2 – 5 gennaio 2012
Sermig e Piccola casa della divina Provvidenza (Cottolengo)

Quando le parole diventano intenzione e tangibile coerenza di vita,
quando la testimonianza vale più di mille “prediche”,
quando tocchi con mano che le “Dio-incidenze” esistono,
quando senti di poter essere te stesso, con la piena consapevolezza di non essere deriso,
quando da sconosciuti ti senti accolto meglio che nella tua famiglia,
quando l’ultimo degli ultimi viene chiamato “ricchezza” e “dono”,
quando non c’è rinuncia o castrazione nel dedicare la propria vita agli altri,
quando, in cuor tuo, non comprendi del tutto come sia possibile ma non puoi far altro che invidiare un po’ quei volti così sereni…

è allora, proprio allora che capisci che il Vangelo è possibile!

Non temere! Guarda avanti, andrà tutto bene!
mi dice A., sorda, muta e cieca, tenendomi per mano.

Le sue parole sono anche il mio augurio per voi!

Princess_S

ps: ringrazio di cuore chi continua a seguirmi e chi eroicamente si è iscritto a questo blog, che ultimamente accumula polvere. Nel piccolo, sappiate che, vi leggo sempre 🙂

Annunci