Eh che insomma, devo essere onesta, per quanto mi sforzi di vedere sempre ciò che di positivo al mondo esiste, ci sono di quelle sere che non vedo l’ora che Morfeo mi abbracci e faccia scomparire definitivamente, nella morsa del sonno, tutti i pensieri che nella mia mente si accumulano.

Eh che ci sono di quei periodi della vita in cui ti sforzi giorno dopo giorno di combattere contro un destino avverso, e questo oltre a non cambiare, ti impone comunque di dover essere forte per far fronte anche ai pensieri degli altri.

Eh che ci sono di quelle situazioni intorno a me che potrebbero essere risolte con poco e che renderebbero tutti un po’ più felici, sulle quali io mi intestardisco nella ricerca di una soluzione (e forse in questo un po’ di gene ingegneristico c’è) ma sulle quali non ho alcun potere, perchè presuppongono il cambiamento di altri, che non avverrà mai se non saranno loro a volerlo.

E insomma, questa continua lotta contro vento, forse è normale che generi stanchezza, ogni tanto, no?

Poi, in risposta ad un mio sospirone, un’amica mi dice che “Il mio vedere sempre il bicchiere mezzo pieno è la mia forza e non me ne devo dimenticare!”

E allora, hai ragione amica mia, ora me lo impongo e ci penso, e scopro che delle cose positive ce ne sono state in questo periodo e forse appuntarle qui mi può far bene:

  • mi è stata regalata totalmente a sorpresa, dalla mia parrocchia, la possibilità di partecipare alla GMG a Madrid e ne sono davvero tanto felice, è un’esperienza che non ho mai fatto e sono contentissima di condividerla con i miei ragazzi del gruppo. Chissà se qualcuno di voi che legge il blog ci sarà 🙂
  • come ho scritto altre volte, io sono educatrice di un gruppo di adolescenti e i ragazzi che ne fanno parte sono stati testimoni di un grandissimo gesto di umanità e di amore, per il quale sono ancora più orgogliosa di loro.Uno di loro, costantemente preso in giro e in un’occasione persino picchiato a scuola, da parte di altri ragazzi, per la sua presunta omosessualità, è stato difeso difronte all’intera sua classe da “i miei ragazzi” i quali oltre a proteggerlo, hanno risposto agli insulti omofobi, afffermando che “L’amore è amore sempre, qualsiasi forma abbia” (frase che non è ovviamente parte del loro normale gergo, ma che io gli ripeto spesso :)).Quando l’episodio mi è stato raccontato la mia soddisfazione è stata doppia perchè 6 anni fa, quando li conobbi per la prima volta, alcuni di questi, ora paladini delle ingiustizie, erano dei bulli che non si sarebbero minimamente sognati di metterci la faccia in un’occasione simile. E allora forse questo vuol dire che il seme buono in loro ha attecchito un po’ 🙂
  • Fra due settimane, finalmente, tornerò a Torino a trovare la mia Ollian family 🙂 La loro presenza, le loro voci, i loro abbracci, mi mancano immensamente. Non vedo davvero l’ora!!
mmmh mi devo ricordare di ringraziare la mia amica domani 🙂
*Goodnight and sleep tight*
Princess_S
Annunci