Si può davvero smettere di cercare la felicità? si può davvero perdere la speranza che questo mondo abbia ancora qualcosa di buono in serbo per noi?

Queste domande continuano a ripresentarsi nella mia mente, dopo uno scambio di pensieri avuti con un mio amico (che ringrazio!).

Io cerco sempre di vedere il bello nel mondo, sono un’ottimista? forse… non so, ma l’ottimista non è una persona con i paraocchi, che non vede il male intorno a sè, io lo so che il male esiste… ma c’è anche tanto buono, c’è tanto buono nelle persone! Forse il mio amico pensa che io ce li abbia questi paraocchi, ma io non credo di averli.

So che la vita può essere crudele, non lo so perchè osservo le vite degli altri da dietro un finestrino, ma lo so perchè l’ho vissuto in prima persona!

So che la vita può toglierti le persone che più ami da un momento all’altro, lasciandoti un vuoto incolmabile.

So che la vita può metterti alla prova tramite la sofferenza della malattia e tu, impotente, non puoi fare altro che accettarla e cercare di sopravvivere come puoi!

So che le persone ti possono ferire, che gli amici ti possono tradire, che non sempre possiamo amare chi vorremmo amare… ma la vita è forse tutta qui?

Mi sono chiesta: a che cosa serve essere pessimisti?

Il pensare che la felicità non esista potrebbe forse attutire/proteggere da eventuali delusioni future? Può darsi di sì!

E se l’essere pessimista mi precludesse la possibilità di essere felice? se la felicità mi passasse davanti e vedendo tutto negativo non la riconoscessi? E se ciò accadesse, ne sarebbe davvero valsa la pena vivere in difesa?

La mia risposta è NO!

Princess_S

Annunci